Notizie in sintesi

 

CORRETTIVI AGLI

STUDI DI SETTORE

PER CONTRIBUENTI

IN CONTABILITÀ

SEMPLIFICATA

  ·       È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto correttivo per gli studi di settore, applicabile al periodo d’imposta 2017, che contiene le modifiche da apportare con riferimento ai contribuenti esercenti attività d’impresa in regime di contabilità semplificata.

·       Lo scopo del correttivo è di normalizzare il risultato di Gerico tenendo conto del nuovo criterio di “cassa”. Tale correttivo si applicherà solo per i contribuenti in regime d’impresa in contabilità semplificata (non per i professionisti), esclusi coloro che hanno optato per il regime della “registrazione”. Tuttavia, anche se il provvedimento non lo afferma espressamente, anche per i contribuenti che hanno optato per l’applicazione del regime della “registrazione” l’esito finale dello studio di settore non potrà non tener conto delle rimanenze finali e inziali.

 

IPER-AMMORTAMENTO

E PERIZIA TARDIVA

  ·       In tema di iperammortamento l’Agenzia delle Entrate ha affermato che la perizia effettuata oltre l’anno di interconnessione non fa venire meno l’agevolazione, poiché sarà solamente rinviata.

·       Per la deduzione è, infatti, indispensabile disporre della perizia giurata, o autocertificazione per beni di costo inferiore a € 500.000,00. La perizia deve essere acquisita al più tardi entro la fine del periodo di imposta in cui il bene entra in funzione ovvero, se successivo, entro l’anno in cui esso viene interconnesso alla rete aziendale.

·       In termini operativi, nell’anno di entrata in funzione e interconnessione, l’impresa dedurrà in dichiarazione dei redditi il 40%, mentre dall’anno di ottenimento della perizia si passerà al 150%, applicando il coefficiente di ammortamento alla differenza tra l’iperammortamento complessivo (150% del costo) e quanto dedotto come superammortamento nel primo esercizio. Alla fine del periodo di ammortamento sarà dedotto l’intero 150% del costo dell’investimento.

 

DETRAZIONI

O DEDUZIONI

SPESE SANITARIE

  ·       Le deduzioni e le detrazioni delle spese sanitarie spettano solo per gli oneri effettivamente a carico del contribuente; pertanto, il bonus fiscale non è consentito in caso di rimborso.

·       In sostanza, se la spesa sanitaria è restituita nell’anno in cui è stata sostenuta, per il contribuente sarà possibile indicarla solo per la parte non rimborsata. Se il rimborso avviene in anni successivi le detrazioni o deduzioni restano valide, ma il rimborso sarà assoggettato a tassazione separata nell’anno in cui è erogato.

 

ESPORTATORE

ABITUALE

E ACQUISTO OLTRE

IL PLAFOND IVA

  ·       L’esportatore abituale può regolarizzare l’acquisto di beni e servizi, senza applicazione dell’Iva oltre il limite del plafond disponibile, tramite le seguenti modalità:

–  chiedendo al cedente di emettere una nota di variazione in aumento dell’Iva:

–  attraverso l’emissione di autofatture con apposite registrazioni nella dichiarazione Iva da trasmettere entro il 30.04.2018;

–  attraverso la liquidazione periodica dell’Iva.

 

TERMINI PER

ANNULLAMENTO

DELLA

DICHIARAZIONE

PRECOMPILATA

TRAMITE

IL “FAI DA TE”

  ·       Per i contribuenti che sceglieranno il “fai da te” per la dichiarazione dei redditi precompilata, sarà possibile annullare l’invio a partire dal 28.05.2018. Tuttavia, una volta annullato il 730, all’Agenzia non risulterà presentata alcuna dichiarazione; pertanto, è necessario procedere con una nuova trasmissione, altrimenti la dichiarazione risulterà omessa. L’autocorrezione è soggetta ai seguenti limiti:

–  il contribuente può procedere solo una volta all’annullamento del 730 già trasmesso;

–  il termine ultimo per l’annullamento “fai da te” del modello precedentemente inviato è fissato al 20.06.2018.

·       In alternativa all’annullamento del 730 già spedito è possibile presentare un 730 integrativo entro il 25.10.2018, obbligatoriamente tramite un Caf o un intermediario abilitato, oppure cambiare tipologia di dichiarazione trasmettendo il modello Redditi “correttivo” entro il 31.10.2018 o Redditi “integrativo” dopo tale scadenza.

 

VERSAMENTO

IMPOSTA

DI BOLLO

  ·       Entro il 30.04.2018 dovrà essere effettuato il versamento dell’imposta di bollo dovuta per la conservazione sostitutiva del libro giornale e del libro degli inventari, relativi al 2017. L’imposta, da versare in unica soluzione, è pari a € 16,00 per le società di capitali e a € 32,00 per ditte individuali, società di persone e società cooperative.

·       L’assolvimento dell’imposta di bollo interessa anche le fatture elettroniche (di importo superiore a € 77,47) che devono essere obbligatoriamente conservate in modalità sostitutiva. L’imposta dovuta è pari a € 2,00 per ogni fattura emessa.

 

DOCUMENTO

DI TRASPORTO

ELETTRONICO

  ·       L’Agenzia delle Dogane ha chiarito che, dal 1.05.2018, è obbligatorio l’utilizzo del documento di trasporto elettronico come dichiarazione in dogana per vincolare le merci al regime del transito unionale, in sostituzione delle precedenti procedure semplificate aeree e marittime. Di conseguenza, le compagnie aeree e marittime che intendono beneficiare di tale semplificazione devono essere in possesso di una specifica autorizzazione. In assenza di tale autorizzazione, si potranno effettuare esclusivamente operazioni di transito in procedura ordinaria, presentando una garanzia.
CONVOCAZIONE DELL’ASSEMBLEA PER APPROVAZIONE BILANCIO   ·       L’assemblea dei soci per l’approvazione del bilancio deve essere effettuata entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio; il termine è differibile a 180 giorni qualora vi sia un’apposita previsione statutaria e ricorrano particolari esigenze.

·       Secondo la dottrina, il termine di 120 (o 180) giorni dalla chiusura dell’esercizio è riferito alla prima convocazione dell’assemblea, dato che la seconda può avvenire anche oltre il predetto termine, purché entro 30 giorni dalla data fissata per l’assemblea in prima convocazione.

·       L’omessa convocazione dell’assemblea dei soci per l’approvazione del bilancio comporta per amministratori e sindaci una sanzione amministrativa da € 1.032,00 a € 6.197,00.

 

 

Nuova comunicazione delle liquidazioni Iva

 

L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento 21.03.2018, prot. n. 62214, ha adottato una nuova versione del modello da utilizzarsi per la trasmissione telematica delle comunicazioni dei dati delle liquidazioni periodiche Iva, con le relative istruzioni e le specifiche tecniche. Il nuovo modello, che si sostituisce a quello approvato con il provvedimento 27.03.2017, è stato adottato con la finalità di integrare le informazioni già richieste nella precedente versione e deve essere utilizzato a partire dalle comunicazioni delle liquidazioni periodiche relative al 1° trimestre 2018, da trasmettere entro il 31.05.2018. Si ricorda che la comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche (c.d. LI.PE) è un adempimento introdotto a decorrere dal 2017. Infatti, dal 1.01.2017, i soggetti passivi d’imposta devono trasmettere trimestralmente, in via telematica, i dati contabili riepilogativi delle liquidazioni periodiche. Non sono tenuti a trasmettere la comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche i soggetti esonerati dall’obbligo di presentazione della dichiarazione Iva annuale o di effettuazione delle liquidazioni periodiche, purché in corso d’anno non vengano meno le condizioni di esonero.
   

 

 

Strumenti di pagamento per carburanti

 

A decorrere dal 1.07.2018 (salvo proroghe) la L. 27.12.2017, n. 205 (legge di Bilancio 2018) ha stabilito l’abolizione della scheda carburante. Gli acquisti di carburante per autotrazione effettuati dai soggetti passivi Iva presso gli impianti stradali di distribuzione devono essere documentati con la fattura elettronica (art. 22, c. 3, 2° periodo D.P.R. 633/1972 – commercio al minuto). Non sono, invece, soggette all’obbligo di certificazione le cessioni di beni iscritti nei pubblici registri, di carburanti e lubrificanti per autotrazione nei confronti di clienti che acquistano al di fuori dell’esercizio di impresa, arte e professione.
   

 

 

 

 

SCADENZARIO
Principali adempimenti mese di maggio 2018

 

Scad. 2018   Tributo Contributo  

1BDescrizione

 

Mercoledì

2 maggio

  Imposte

dirette

  Mod. 730 e Redditi precompilati – Dal 2.05.2018 il contribuente può accettare, modificare e inviare il Mod. 730 precompilato all’Agenzia delle Entrate, direttamente tramite l’applicazione web. Dalla medesima data il contribuente può modificare il mod. Redditi PF precompilato.

 

Lunedì

7 maggio

  5 per mille   Iscrizione – Gli enti del volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche, che si iscrivono per la prima volta nell’elenco dei beneficiari del 5 per mille, devono effettuare, entro oggi, l’iscrizione telematica utilizzando l’apposito modello disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

 

Giovedì

10 maggio

  Imposte

dirette

  Mod. Redditi precompilato – Dal 10.05.2018 è possibile inviare il modello Redditi PF precompilato.

 

Martedì

15 maggio

  Rottamazione

bis

  Istanze respinte – Termine per presentare la richiesta di regolarizzazione della precedente domanda di definizione agevolata respinta in quanto non in regola con i pagamenti delle dilazioni in essere al 24.10.2016 (Art. 1 D.L. 148/2017).
    Rottamazione carichi – Termine per presentare la domanda di definizione agevolata in relazione alla rottamazione dei carichi dal 1.01.2000 al 30.09.2017 (D.L. 148/2017).
  Iva   Registrazione – Per le fatture emesse nel corso del mese precedente, di importo inferiore a € 300,00, può essere annotato entro oggi, con riferimento a tale mese, in luogo di ciascuna fattura, un documento riepilogativo.
    Registrazione – Le operazioni per le quali è rilasciato lo scontrino fiscale o la ricevuta, per effetto dell’equiparazione tra scontrino e ricevuta, effettuate in ciascun mese solare, possono essere annotate, con unica registrazione, nel registro dei corrispettivi entro oggi.
    Fattura cumulativa – Per le operazioni (comprese le prestazioni di servizi) effettuate nello stesso mese solare, nei confronti di un medesimo soggetto, è possibile emettere un’unica fattura entro il giorno 15 del mese successivo all’effettuazione delle operazioni.
    Operazioni con l’estero – Entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione deve essere emessa: la fattura relativa alle cessioni intracomunitarie non imponibili; la fattura relativa alle prestazioni di servizi “generiche” rese a soggetti passivi non stabiliti in Italia; l’autofattura relativa alle prestazioni di servizi “generiche” ricevute da soggetto passivo stabilito al di fuori dell’UE. Per gli acquisti intracomunitari, in caso di mancato ricevimento della relativa fattura entro il 2° mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, il cessionario deve emettere l’autofattura entro il giorno 15 del 3° mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione. In caso di fattura indicante un corrispettivo inferiore a quello reale, il cessionario deve emettere l’autofattura entro il giorno 15 del mese successivo alla registrazione della fattura originaria (L. 228/2012).
  Associazioni

sportive

dilettantistiche

  Registrazioni – Le associazioni sportive dilettantistiche che fruiscono dell’opzione di cui all’art. 1 L. 398/1991 devono effettuare l’annotazione dei corrispettivi e dei proventi conseguiti nell’esercizio dell’attività commerciale, con riferimento al mese precedente.

 

Mercoledì

16 maggio

  Imposte

dirette

  Versamento ritenute – Termine ultimo per il versamento delle ritenute alla fonte operate nel mese precedente riguardanti redditi di lavoro dipendente, di lavoro autonomo, su provvigioni e su altri redditi di capitale. Entro tale termine deve essere effettuato anche il versamento delle ritenute operate dai condomini in qualità di sostituti d’imposta se di importo pari o superiore a € 500,00 (art. 1, c. 36 L. 232/2016), nonché il versamento delle ritenute operate in relazione alle locazioni brevi (art. 4, cc. 1/5-bis e 6 D.L. 50/2017).
  Iva   Liquidazione e versamento – Termine ultimo concesso ai contribuenti mensili per operare la liquidazione relativa al mese precedente e per versare l’eventuale imposta a debito.
    Liquidazione e versamento –  Termine ultimo concesso ai contribuenti trimestrali per  operare la liquidazione relativa al trimestre precedente e per versare l’eventuale imposta a debito.
    Associazioni sportive dilettantistiche in regime 398/1991 – Termine di versamento dell’Iva relativa al 1° trimestre 2018 mediante il modello F24.
    Contabilità presso terzi – Termine ultimo di cui si possono avvalere i contribuenti mensili, che affidano a terzi la tenuta della contabilità, per il calcolo del debito o credito d’imposta relativi al mese di aprile 2018, riferendosi alle registrazioni eseguite nel mese di marzo 2018.
    Versamento – Termine di versamento della rata dell’Iva relativa all’anno d’imposta 2017 derivante dalla dichiarazione annuale con gli interessi.
  Imposta sugli

intrattenimenti

  Versamento – Versamento dell’imposta sugli intrattenimenti relativa alle attività svolte con continuità nel mese precedente.
  Imposta sulle

transazioni

finanziarie

  Versamento – Termine di versamento dell’imposta sulle transazioni finanziarie dovuta sulle operazioni su strumenti finanziari derivati e su valori mobiliari poste in essere nel mese precedente (Tobin Tax).
  Inail   Autoliquidazione – I datori di lavoro che hanno scelto di rateizzare il premio Inail, relativo al saldo 2017 e all’acconto 2018, devono effettuare il versamento della 2ª rata.

 

 

Scad. 2018   Tributo Contributo  

1BDescrizione

 

Mercoledì

16 maggio

(segue)

  Inps   Contributi previdenziali ed assistenziali – Versamento dei contributi relativi al mese precedente, compresa la quota mensile di Tfr al Fondo di Tesoreria Inps, mediante il Mod. F24.
    Contributi Gestione Separata – Versamento del contributo previdenziale alla Gestione Separata, da parte dei committenti, sui compensi pagati nel mese precedente.
    Gestione ex-Enpals – Le aziende del settore dello spettacolo e dello sport devono provvedere al versamento, mediante Mod. F24, dei contributi Enpals dovuti per il periodo di paga scaduto il mese precedente.
    Artigiani e commercianti – Termine per effettuare il versamento della 1ª rata del contributo fisso minimo per il 2018.

 

Domenica

20 maggio

  Enasarco   Versamento contributi – Termine ultimo per il versamento dei contributi previdenziali relativi al trimestre gennaio-marzo 2018.
  Conai   Denuncia – Termine di presentazione al Conai della denuncia riferita al mese precedente.

 

Lunedì

21 maggio

  5 per mille   Correzione di errori – Termine per la correzione di eventuali errori negli elenchi del 5 per mille 2018.

 

Venerdì

25 maggio

  Iva   Elenchi Intrastat – Termine per la presentazione telematica degli elenchi delle cessioni e degli acquisti intracomunitari di beni, nonchè delle prestazioni di servizi, relativi al mese precedente. A partire dalle operazioni effettuate nel 2018, sono aboliti i modelli Intrastat trimestrali relativi agli acquisti di beni e servizi, e i modelli mensili hanno esclusivamente valenza statistica. Sono stati modificati, inoltre, i limiti per l’individuazione dei soggetti obbligati a presentare gli elenchi acquisti con periodicità mensile, che passano da € 50.000 a € 200.000 trimestrali per gli acquisti di beni e da € 50.000 a € 100.000 trimestrali per gli acquisti di servizi (Provv. Ag. Entrate 25.09.2017, n. 190499).

 

Mercoledì

30 maggio

  Imposta

di registro

  Contratti di locazione – Termine ultimo per versare l’imposta di registro sui nuovi contratti di locazione di immobili, con decorrenza 1° del mese, e di quella inerente ai rinnovi ed alle annualità, in assenza di opzione per il regime della cedolare secca.
  Bilancio   Invio telematico – Termine ultimo per la trasmissione telematica al Registro delle Imprese del bilancio approvato il 30.04.2018, con i relativi allegati. Entro tale termine deve essere trasmesso l’elenco soci per le S.p.A., le S.a.p.a. e le società consortili per azioni.

 

Giovedì

31 maggio

  Iva

 

  Comunicazione liquidazioni periodiche Iva – Termine di presentazione della comunicazione dei dati relativi alle liquidazioni periodiche Iva del 1° trimestre 2018, utilizzando il nuovo modello approvato con provv. Ag. Entrate prot. 62214/2018.
    Comunicazione dati fatture – Termine per la trasmissione telematica dei dati delle fatture emesse e ricevute nel 1° trimestre 2018. I dati delle fatture possono essere trasmessi con cadenza semestrale ai sensi dell’art. 1-ter, c. 2, lett. a) D.L. 148/2017.
    Fattura differita – Emissione e annotazione delle fatture differite limitatamente alle cessioni effettuate a terzi dal cessionario per il tramite del proprio cedente nel corso del mese precedente.
    Registrazione, fatturazione – Obblighi mensili di registrazione e fatturazione per le operazioni svolte nel mese.
    Enti non commerciali – Termine di presentazione della dichiarazione relativa agli acquisti intracomunitari registrati nel mese precedente e del versamento delle relative imposte.
  Libro unico

del lavoro

  Adempimento – Termine entro il quale effettuare le scritturazioni obbligatorie sul libro unico del lavoro con riferimento al mese precedente.
  Inps   Flusso UniEmens – Termine di invio del flusso UniEmens per denunciare le retribuzioni e le contribuzioni dovute per i lavoratori dipendenti, per i collaboratori, nonché per i lavoratori dello spettacolo e dello sport, riferite al mese precedente.
    Periodo feriale – Termine ultimo per la richiesta all’Inps del differimento della scadenza dei contributi previdenziali a seguito della chiusura aziendale per ferie al periodo successivo a quello in cui cadono le ferie.
  Inail   Bando Isi 2017 – Fino alle ore 18.00 del 31.05.2018 sarà possibile compilare la domanda nella sezione “servizi on line” del sito Inail.
  Fasi   Contributi assistenziali – Termine ultimo per il versamento delle quote contributive relative al 2° trimestre 2018 per i dirigenti in servizio.
  Tasse

automobilistiche

  Sospensione pagamento tassa di possesso – Termine ultimo per la spedizione dell’elenco autovetture acquistate usate o ricevute in procura a vendere nel 1° quadrimestre 2018 da parte delle concessionarie, al fine di sospendere il pagamento delle tasse di possesso (modalità da verificare in base alla Regione di appartenenza).
    Versamento – Termine ultimo per il versamento della tassa per autovetture e autoveicoli scadente nel mese di aprile 2018.

 

Nota1 ·     Se il termine scade in giorno festivo, è prorogato di diritto al giorno seguente non festivo (art. 2963, c. 3 C.C.).

·     L’art. 18, c. 1 D. Lgs. 9.07.1997, n. 241 prevede che i versamenti che scadono di sabato o di giorno festivo sono tempestivi se effettuati il 1° giorno lavorativo successivo. I termini di presentazione e di trasmissione della dichiarazione che scadono di sabato sono prorogati d’ufficio al 1° giorno feriale successivo (art. 2, c. 9 D.P.R. 322/1998).

·     Gli adempimenti e i versamenti previsti da disposizioni relative a materie amministrate da articolazioni del Ministero dell’Economia e delle Finanze, comprese le Agenzie fiscali, ancorché previsti in via esclusivamente telematica, ovvero che devono essere effettuati nei confronti delle medesime articolazioni o presso i relativi uffici, i cui termini scadono di sabato o di giorno festivo, sono prorogati al 1° giorno lavorativo successivo [art. 7, c. 2, lett. l) D.L. 13.05.2011, n. 70].

 

 

Lo Studio rimane a disposizione per ulteriori chiarimenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi