Le note di accredito, salvo casi particolari disciplinati dall’art.. 26 del DPR IVA, possono essere emesse in diminuzione dell’iva originariamente addebitata solo entro il termine di 12 mesi dalla data della fattura cui si riferiscono.

 

Con le novità introdotte dalla manovra di primavera, tuttavia, questo termine potrebbe ridursi al termine ultimo per la registrazione della fattura di acquisto, ossia il 30 aprile dell’anno successivo a quello di emissione.

 

Raccomandiamo attenzione a questo aspetto nel valutare le posizioni attive e passive che – in sede di chiusura dell’esercizio ai fini iva e di bilancio – sono potenzialmente suscettibili di variazioni, per evitare discussioni con i rispettivi clienti e fornitori.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi