Entra nel vivo la Riforma del 5 x mille IRPEF con l’elenco permanente pubblicato sul sito delle Entrate: adempimenti per i nuovi iscritti.

Entra nel vivo la Riforma del 5 x mille IRPEF con l’elenco permanente pubblicato sul sito delle Entrate: adempimenti per i nuovi iscritti.

Pubblicati online da parte dell’Agenzia delle Entrate gli elenchi 5 per mille 2017, aggiornati ed integrati con i nuovi iscritti permanenti, che portano gli enti del volontariato e delle associazioni sportive dilettantistiche beneficiari a quota 57.000 nel 2017.

=> Donazioni Onlus: deduzione o detrazione

Elenco 5 per 1000

Si tratta di una delle novità della Riforma del 5 x mille IRPEF: dal 2017 gli enti no profit già iscritti nel 2016 non devono più presentare una nuova domanda perché l’iscrizione viene effettuata automaticamente e varrà anche per i prossimi anni.

Dunque quello pubblicato dall’Agenzia delle Entrate è l’elenco del cinque per mille permanente, che contiene tutti gli enti ai quali spetta il beneficio dal 2017 e per i prossimi anni senza necessità di presentare tutti gli anni la domanda di iscrizione e la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, perché il rinnovo sarà automatico, purché i requisiti richiesti per rientrare nel 5 per mille siano posseduti alla data di scadenza delle domande d’iscrizione (7 maggio per gli enti di volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche e 30 aprile per gli enti della ricerca scientifica e dell’università e quelli della ricerca sanitaria).

Il nuovo elenco del 5 per mille 2017 è disponibile per la consultazione in rete sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate all’interno della sezione: “Documentazione – 5 per mille – 5 per mille anno finanziario 2017”.

=> Riforma 5 x mille, cosa cambia

Nuovi iscritti

I nuovi iscritti 2017 avranno invece tempo fino al 30 giugno per inviare la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà che attesti i requisiti di ammissione all’elenco:

  • i legali rappresentanti degli enti del volontariato dovranno inviarla alla Direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate;
  • i rappresentati legali delle associazioni sportive dilettantistiche dovranno presentare la documentazione richiesta alla struttura del Coni competente per territorio.

In caso di mancato adempimento, i ritardatari avranno comunque tempo fino al 2 ottobre per sanare le domande, previo versamento, mediante modello F24, di una sanzione di 250 euro (codice tributo “8115”).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi