Oggetto: CIRCOLARE LUGLIO 2016

 

Notizie in sintesi

 

DICHIARAZIONI

CORRETTIVE

A FAVORE DEL
CONTRIBUENTE

  •   L’Associazione italiana dottori commercialisti (Aidc)  ha analizzato il tema della correzione a favore del contribuente di una dichiarazione errata. Partendo dal presupposto che l’Amministrazione Finanziaria è tenuta a rettificare il contenuto della dichiarazione sulla base degli elementi di fatto e di diritto dei quali ha notizia, non può essere disconosciuta la correzione di errori nei quali sia incorso il contribuente per i quali è stata presentata una dichiarazione integrativa.

 

RATEAZIONE

PER ISTITUTI

DEFLATTIVI

  •   Un emendamento al D.L. 113/2016 prevede la possibilità, per chi è decaduto tra il 15.10.2015 e il 1.07.2016 dal pagamento dilazionato delle somme dovute all’Agenzia delle Entrate a seguito di acquiescenza o accertamento con adesione, di essere riammesso al beneficio, senza l’obbligo di saldare le rate scadute.

•   È previsto anche l’aumento da € 50.000,00 a € 60.000,00 del limite di debiti entro il quale è possibile chiedere la rateazione con semplice domanda, senza obbligo di documentare la temporanea situazione di obiettiva difficoltà.

 

AGEVOLAZIONI

“PRIMA CASA”

  •   Non si verifica la decadenza delle agevolazioni “prima casa” se il contribuente, prima che sia passato il quinquennio di osservazione (rispetto alla data di acquisto dell’immobile), vende il bene acquistato con i benefici di legge e, entro i 12 mesi successivi, costruisce una nuova “prima casa”.

 

RESIDENZA

FISCALE

  •   L’iscrizione all’Aire non è sufficiente a escludere la residenza fiscale in Italia di un connazionale trasferito all’estero.

•   Per localizzare la sede principale del soggetto devono essere considerati tutti gli elementi di fatto rilevanti, quale la propria presenza fisica e dei suoi familiari, la disponibilità di un’abitazione, il luogo di esercizio dell’attività professionale e quello in cui vi siano interessi patrimoniali.

 

VOLUNTARY

DISCLOSURE

E QUADRO RW

  •   Indipendentemente dall’esito della procedura di voluntary disclosure, le cui domande sono attualmente al vaglio dell’Agenzia delle Entrate, il contribuente che ha fatto emergere patrimoni esteri non dichiarati è tenuto alla compilazione del quadro RW del modello Unico PF 2016.

 

QUANDO

L’OPERAZIONE

TRIBUTARIA

È LECITA

  •   Il Consiglio nazionale del notariato, nello studio 151-2015/T, ha fornito indicazioni per individuare correttamente la linea di confine che separa una situazione in cui è configurabile l’abuso di diritto da quella in cui ricorrono le valide ragioni extrafiscali e, pertanto, l’abuso non è configurabile.

 

ALIQUOTE IVA

MODIFICATE

DALLA LEGGE

EUROPEA 2015-2016

  •   Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale sono operative, dal 23.07.2016, le modifiche apportate dalla legge Europea 2015-2016. Tra le altre, la legge ha modificato le aliquote Iva di alcuni prodotti alimentari: il basilico, il rosmarino e la salvia freschi destinati all’alimentazione, come anche sotto forma di piante allo stato vegetativo, dovranno essere fatturati con aliquota 5%; i preparati per risotti passano, invece, dal 4% al 10%.

 

VALIDITÀ NOTIFICA

AGENZIA ENTRATE

A MEZZO DI POSTA

PRIVATA

  •   Le notifiche effettuate all’Agenzia delle Entrate mediante le agenzie di posta privata di atti, diversi da quelli giudiziali, hanno validità dalla data di consegna e non da quella di spedizione, contrariamente a quanto avviene in relazione alla posta raccomandata.

 

FAQ SUL

CANONE RAI

  •   L’Agenzia delle Entrate ha inserito nuove Faq sul canone Rai relativamente alle situazioni anomale riscontrate negli addebiti, quali, ad esempio, l’erede di un contribuente deceduto a cui è stato addebitato sia il canone proprio sia quello del defunto e, in questo caso, potrà essere richiesto il rimborso una volta pubblicato il provvedimento direttoriale, oppure se il contribuente ha inviato la disdetta dall’abbonamento Tv e ha ricevuto comunque l’addebito del canone in bolletta.

 

RICOLLOCAZIONE

COMPONENTI

STRAORDINARIE

NEL CONTO

ECONOMICO

  •   L’Oic ha diffuso la bozza del principio contabile n. 12 in merito alla composizione e agli schemi del bilancio di esercizio, alla luce delle novità introdotte dal D. Lgs. n. 139/2015. In particolare, essendo stata eliminata la voce dei componenti straordinari dal conto economico, i valori che erano inseriti in tale voce dovranno essere ricollocati.

•   Per alcune voci è prevista la specifica indicazione, mentre in altri casi si rinvia alle scelte del redattore, in base alla tipologia di evento che ha generato il costo o il ricavo.

 

 

 

  Notizie in sintesi (segue)

 

CONTRIBUTI

ARTIGIANI E

COMMERCIANTI

  •   Gli iscritti in corso d’anno alla gestione artigiani e commercianti non riceveranno alcuna lettera di avviso dei contributi in scadenza, ma trovano nel cassetto previdenziale tutti i dati relativi agli importi da versare in relazione alla contribuzione 2016.

 

CESSIONE

QUOTE S.R.L.

SEMPLIFICATA

  •   Il Ministero dello Sviluppo Economico ha precisato che è consentito l’atto di cessione quote della società a responsabilità limitata semplificata (S.r.l.s.) a soggetto diverso da persona fisica, in quanto il divieto contenuto nell’art. 2463-bis, c. 1 C.C. riguarda espressamente la fase di costituzione della società; pertanto, si può dedurre che non vi sono vincoli per le successive modifiche.

 

SOCIETÀ TRA

FISIOTERAPISTI

  •   Il Ministero dello Sviluppo Economico ha precisato che è possibile iscrivere nella sezione speciale del Registro delle Imprese la società tra professionisti esercenti l’attività di fisioterapisti, anche in posizione di soggetti non professionisti, soltanto per prestazioni tecniche di cui all’art. 10, c. 4, lett. b) L. n. 183/2011.

 

MODELLO

STANDARD ATTO

COSTITUTIVO

START-UP

INNOVATIVE

  •   Sulla piattaforma on line di Unioncamere e Infocamere, dedicata alle start up e disponibile al link startup.registroimprese.it, è stato pubblicato il modello standard di atto costitutivo di start up innovativa in forma di S.r.l. Il documento è compilabile direttamente on line e deve essere firmato digitalmente. Ciò premesso, l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo da utilizzare per il pagamento tramite modello F24 delle imposte di registro e di bollo relative alla registrazione degli atti costitutivi delle start up innovative.

 

CREDITO DI

IMPOSTA PER

ATTIVITÀ R&S

  •   L’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito al credito di imposta per attività di ricerca e sviluppo di cui al D.L. 145/2013, specificando che i revisori contabili devono valutare la situazione aziendale in quanto, in sede di controllo, può essere sollevata la questione della continuità aziendale e contestata l’indebita percezione dell’agevolazione.

 

AUMENTO

DEL CAPITALE

SOCIALE NELLE

S.R.L.

  •   Il Consiglio notarile di Milano ha precisato che qualsiasi tipologia di aumento del capitale sociale, con esclusione o limitazione del diritto di sottoscrizione dei soci, è soggetta alla previsione di un’apposita clausola nello statuto sociale e deve essere stabilita da una delibera dell’assemblea. Tale delibera non è necessario che sia assunta dai soci all’unanimità, ma è sufficiente la normale maggioranza richiesta dalla legge o dallo statuto per le modifiche di quest’ultimo. Inoltre, l’inserimento di questa clausola non attribuisce il diritto di recesso ai soci che non vi hanno acconsentito, fermo restando il diritto di recesso a favore dei soci che non sono d’accordo con l’aumento di capitale.

 

DISDETTA

DEL CONTRATTO

DI LOCAZIONE

  •   Nelle controversie riguardanti la disdetta di un contratto di locazione il locatore deve provare solamente che la raccomandata di disdetta sia pervenuta tempestivamente al conduttore, mentre quest’ultimo ha l’onere di dimostrare che la lettera contenuta nel plico riguardava una comunicazione diversa dalla volontà di chiudere il contratto di locazione alla sua legale scadenza.

 

CANCELLAZIONE

IPOTECA

  •   Dal 8.07.2016 è possibile verificare direttamente su Internet la cancellazione dell’ipoteca sul proprio immobile, tramite i canali Fisconline ed Entratel dell’Agenzia delle Entrate. Chi ha estinto un proprio debito può controllare lo stato della comunicazione di estinzione dell’obbligazione inviata dal creditore (come, per esempio, la banca), consultando gratuitamente l’apposito registro.

•   Il servizio è attivo su tutto il territorio nazionale, escluse le Province Autonome di Trento e di Bolzano e le altre zone in cui vige il sistema tavolare.

 

UNIONI CIVILI   •   È stato redatto il decreto contenente le indicazioni operative per l’applicazione della L. n. 76/2016, che disciplina le unioni civili.

•   Il Consiglio di Stato ha tempo un mese per approvarlo e apportare modifiche, prima della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

 

LIBRETTO

DI IMPIANTO

ELETTRICO

  •   Prosiel, l’associazione senza scopo di lucro che include i principali attori della filiera elettrica, ha pubblicato il nuovo libretto di impianto elettrico da consegnare al proprietario o inquilino dell’abitazione. Tale prospetto contiene le istruzioni di uso e manutenzione dell’impianto.

 

SMALTIMENTO

RIFIUTI ELETTRICI

ED ELETTRONICI

  •   Il D.M. Ambiente entrato in vigore il 22.07.2016 obbliga i grandi punti vendita al ritiro gratuito di cellulari, tablet, rasoi elettrici, asciugacapelli e altri elettrodomestici di piccola dimensione, sulla base del cosiddetto principio “uno contro zero”. Ciò sta a significare che chi porterà un vecchio apparecchio in un esercizio commerciale non sarà obbligato ad acquistarne uno nuovo in “cambio” del relativo smaltimento.

 

 

Fatturazione elettronica per tutti

 

L’Agenzia delle Entrate ha comunicato di aver reso disponibile la prima versione dell’applicazione web gratuita per generare, trasmettere e conservare le fatture elettroniche da parte dei contribuenti con partita Iva; al riguardo, è stato preparato un apposito sito che illustra ai contribuenti le modalità di utilizzo del nuovo servizio. Inoltre, è stato comunicato il rilascio futuro di un’applicazione per smartphone e tablet per l’utilizzo in mobilità a tutti gli utenti.

 

 

 

  Sospensione feriale dei termini in materia tributaria

 

Con riferimento ai provvedimenti da impugnare, il termine perentorio concesso al contribuente per proporre ricorso è fissato entro il 60° giorno dalla data di notifica del provvedimento, decorso il quale il ricorso è inammissibile. É tuttavia prevista un’eccezione a tale regola, costituita dalla sospensione dei termini per il periodo feriale. Dal 2015, tale periodo decorre dal 1.08 al 31.08.

La sospensione feriale dei termini opera anche per le controversie di valore non superiore a € 20.000,00 relative ad atti emessi dall’Agenzia delle Entrate per le quali è previsto l’obbligo del preventivo reclamo.

 

  Istanza di rimborso dell’Iva versata in Stati Ue

 

Il meccanismo di neutralità dell’Iva è in genere attuato mediante il sistema della detrazione e della rivalsa che, però, può attuarsi solo quando l’Iva assolta sugli acquisti è quella dello Stato in cui è stabilito il soggetto che intende portarla in detrazione. Quando, invece, per vari motivi, un operatore resta inciso dell’imposta sul valore aggiunto di altro Stato Europeo, ha la possibilità di chiederla a rimborso, alle stesse condizioni in cui i soggetti residenti in quello Stato potrebbero portarla in detrazione. La disposizione riguarda i soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato che hanno assolto l’Iva in un altro Stato membro, in relazione a beni e servizi ivi acquistati o importati, i quali possono chiederne il rimborso a detto Stato membro presentando un’istanza all’Agenzia delle Entrate tramite apposito portale elettronico. L’istanza è presentata distintamente per ciascun periodo di imposta, entro il 30.09 dell’anno solare successivo al periodo di riferimento, nei limiti e con la periodicità stabiliti dallo Stato membro competente per il rimborso. L’Agenzia delle Entrate, ricevuta l’istanza, la inoltra allo Stato membro competente a eseguire il rimborso entro 15 giorni dalla ricezione della medesima, salvo il verificarsi delle cause ostative. I rimborsi sono erogati direttamente dallo Stato membro competente secondo le modalità dal medesimo stabilite.
 

 

Differimento al 22.08 delle scadenze fiscali

 

L’art. 3- quater D.L 2.03.2012, n. 16 ha “messo a regime” il differimento al 20.08 dei termini per i versamenti e gli adempimenti fiscali che scadono nel periodo dal 1.08 al 20.08 di ogni anno.

Tuttavia, quest’anno, il termine slitta ulteriormente al 22.08.2016, poiché il 20.08 e il 21.08 sono giorni festivi.

 

PROROGA   Oggetto   Si tratta, in particolare, del versamento unitario delle imposte sui redditi e delle ritenute alla fonte, dell’Iva, delle imposte sostitutive,
dell’Irap, dei contributi previdenziali e assistenziali dovuti dal datore di lavoro, dei premi INAIL e degli interessi previsti in caso di pagamenti rateali.
       
  Termini   ·     Sono prorogati al 22.08.2016 i termini per i versamenti e gli adempimenti fiscali che scadono nel periodo dal 1.08 al 20.08 di ogni anno.

·     Sono prorogati al 22.08.2016 anche i termini per effettuare il ravvedimento operoso scadenti nel periodo tra il 1.08 e il 21.08.2016.

         
ALTRI ADEMPIMENTI PROROGATI   Adempimenti

diversi dai versamenti

  ·     Sono differiti al 22.08 anche gli altri “adempimenti fiscali” diversi dai

versamenti con il modello F24, aventi scadenza nel periodo in commento. A titolo esemplificativo, beneficiano del differimento al 22.08.2016 i seguenti adempimenti fiscali:

–   l’obbligo di emissione e di registrazione delle fatture relative alle cessioni di beni la cui consegna o spedizione risulta da documento di trasporto o da altro documento idoneo a identificare i soggetti tra i quali è effettuata l’operazione, effettuate nel mese di luglio 2016 (scadenza ordinaria 16.08.2016);

–   l’obbligo di emissione e di registrazione delle fatture relative alle prestazioni di servizi individuabili attraverso idonea documentazione, effettuate nel mese di luglio 2016 nei confronti del medesimo soggetto (scadenza ordinaria 16.08.2016);

–   l’obbligo di emissione e di registrazione delle fatture relative alle “prestazioni di servizi generiche” rese nei confronti di committenti comunitari o extra-comunitari effettuate nel mese di luglio 2016 (scadenza ordinaria 16.08.2016);

–   l’obbligo di emissione e di registrazione delle fatture (autofattura) relative alle prestazioni di servizi “generiche” commissionate ad un soggetto passivo stabilito fuori dell’Unione europea, effettuate nel mese di luglio 2016 (scadenza ordinaria 16.08.2016);

–   l’obbligo di integrazione e di registrazione delle fatture relative alle prestazioni di servizi, nonché agli acquisti intracomunitari, ricevute da un soggetto passivo stabilito in territorio comunitario, effettuate nel mese di luglio 2016 (scadenza ordinaria 16.08.2016);

–   l’obbligo di emissione e di registrazione delle fatture relative alle cessioni comunitarie non imponibili, effettuate nel mese di luglio 2016 (scadenza ordinaria 16.08.2016);

–   la trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate dei dati contenuti nelle lettere d’intento ricevute dagli esportatori abituali nel mese di luglio 2016 (scadenza ordinaria 16.08.2016).

       
  Mod. 770/2016   Proroga al 15.09.2016 della scadenza di invio del modello 770/2016 Semplificato e Ordinario, il cui termine, per effetto del differimento dei termini scadenti nel periodo feriale, è già slittato al 22.08.2016.

 

   

 

 

 

Calcolo del super ammortamento

 

 

La Legge di Stabilità 2016 ha introdotto un’agevolazione ai fini delle imposte sui redditi (ma non ai fini Irap), per i soggetti titolari di reddito d’impresa e per gli esercenti arti e professioni che effettuano investimenti in beni materiali strumentali nuovi dal 15.10.2015 al 31.12.2016. Si tratta del riconoscimento di un maggior valore di acquisizione del bene, con esclusivo riferimento alla determinazione delle quote di ammortamento e dei canoni di locazione finanziaria, il cui costo è maggiorato del 40%.

 

 

AMBITO

APPLICATIVO

  ·     Titolari di reddito d’impresa, esercenti arti e professioni.

·     Investimenti in beni materiali strumentali nuovi effettuati dal 15.10.2015 al 31.12.2016.

 

Fruiscono del super ammortamento anche i beni di costo unitario non superiore a € 516,46.
 
Beni

esclusi

  ·     Investimenti in fabbricati e costruzioni.

·     Investimenti in beni materiali strumentali per i quali il D.M. Finanze 31.12.1988 stabilisce coefficienti di ammortamento inferiori al 6,50%.

·     Investimenti in beni di cui all’allegato n. 3 annesso alla L. n. 208/2015.

·     Non sono agevolati né gli investimenti in beni immateriali, né quelli privi del requisito di novità.

 

 

AGEVOLAZIONE   ·     Il costo di acquisizione è maggiorato del 40% con esclusivo riferimento alla determinazione delle quote di ammortamento e dei canoni di locazione finanziaria (la maggiorazione è sulla quota capitale del canone).

·     Sono, altresì, maggiorati del 40% anche i limiti rilevanti per la deduzione delle quote di ammortamento e dei canoni di locazione finanziaria degli autoveicoli a deducibilità limitata.

L’agevolazione ha effetto ai fini delle imposte sui redditi ma non ai fini Irap.

 

 

MODALITÀ

DI

FRUIZIONE

DEL BENEFICIO

  Valore   ·     La maggiorazione del 40% si concretizza in una deduzione che opera in via extracontabile e che è fruita:

–  per quanto riguarda l’ammortamento dei beni di cui agli artt. 102 e 54 del Tuir (beni materiali), in base ai coefficienti stabiliti dal D.M. 31.12.1988 (ridotti alla metà per il primo esercizio per i soggetti titolari di reddito d’impresa);

–  per quanto riguarda il leasing, in un periodo non inferiore alla metà del periodo di ammortamento corrispondente al coefficiente stabilito dal D.M. 31.12.1988.

     
Limite   Qualora in un periodo d’imposta si fruisca dell’agevolazione in misura inferiore al limite massimo consentito, il differenziale non dedotto non potrà essere recuperato in alcun modo nei periodi d’imposta successivi.
     
Costo   ·     Il costo rilevante ai fini del calcolo dell’agevolazione è quello determinato ai sensi dell’art. 110 Tuir.

·     Il costo del bene agevolabile è assunto al netto di eventuali contributi in conto impianti, indipendentemente dalle modalità di contabilizzazione, con l’eccezione di quelli non rilevanti ai fini delle imposte sui redditi.

 

 

 

  Deduzioni forfetarie per autotrasportatori

 

 

L’art. 66, c. 5 Tuir prevede una deduzione forfetaria delle spese non documentate a favore delle imprese autorizzate all’autotrasporto di cose per conto terzi. Per il 2015, tale deduzione è di € 51,00 per i trasporti personalmente effettuati dall’imprenditore o dai soci oltre il Comune in cui ha sede l’impresa e di € 17,85 per quelli effettuati nel Comune. Alle medesime imprese compete l’ulteriore deduzione, in misura forfetaria annua di € 154,94, per ciascun motoveicolo e autoveicolo, utilizzato nell’attività d’impresa, avente massa complessiva a pieno carico non superiore a 3.500 chilogrammi. Le spese per trasferte effettuate fuori dal territorio comunale dai lavoratori dipendenti e assimilati sono ammesse in deduzione nei limiti e alle condizioni previsti dall’art. 95, c. 3 del Tuir. Ai sensi del c. 4 dello stesso art. 95, le imprese autorizzate all’autotrasporto di merci, in luogo della deduzione, anche analitica, delle spese sostenute in relazione alle trasferte effettuate dal proprio dipendente fuori dal territorio comunale, possono dedurre un importo di € 59,65 al giorno, elevate a € 95,80 per le trasferte all’estero, al netto delle spese di viaggio e di trasporto. Le deduzioni forfetarie non hanno rilevanza ai fini Irap; tuttavia, sono ammesse in deduzione le indennità di trasferta previste contrattualmente per la parte che non concorre a formare il reddito del dipendente ai sensi dell’art. 51, c. 5 Tuir.

 

DEDUZIONI

PER IL 2015

  Forfetarie

giornaliere per

trasporti effettuati

dall’imprenditore

o dai singoli soci

di società di persone

Per spese

non documentate

  Per trasporti nel Comune in cui ha sede l’impresa: € 17,85.
     
    Per trasporti oltre il Comune ha sede l’impresa: € 51,00.
           
  Forfetaria annua

per autoveicoli

e motoveicoli

  Per ogni autoveicolo e motoveicolo fino a Kg. 3.500: € 154,94.   •  Solo per soggetti in contabilità semplificata.

•  Anche per beni in leasing.

           
  Forfetarie

per trasferte

dei dipendenti

Al netto delle spese di viaggio

e trasporto

  Trasferte fuori dal territorio comunale: importo giornaliero € 59,65.   •  Indipendentemente della forma giuridica e dal regime contabile adottato.

•  In alternativa alla deduzione analitica delle spese di trasferta.

Resta comunque ferma l’ulteriore deduzione delle spese di viaggio e trasporto rimborsate a piè di lista.
       
    Trasferte all’estero: importo giornaliero € 95,80.  

 

 

 

 

 

  Credito contributo SSN autotrasporto

 

L’Agenzia delle Entrate ha confermato che, anche nel 2016, le imprese di autotrasporto merci – conto terzi e conto proprio – possono recuperare, fino a un massimo di € 300,00 per ciascun veicolo (tramite compensazione in F24), le somme versate nel 2015 come contributo SSN sui premi di assicurazione per la responsabilità civile per i danni derivanti dalla circolazione dei veicoli a motore adibiti a trasporto merci, di massa complessiva a pieno carico non inferiore a 11,5 tonnellate. Tali importi dovranno essere indicati nel quadro RU del modello Unico 2017.

 

DISCIPLINA   Oggetto   Somme versate nel 2015 a titolo di contributo al Servizio sanitario nazionale sui premi di assicurazione per la responsabilità civile per i danni derivanti dalla circolazione di veicoli a motore adibiti a trasporto merci, di massa complessiva a pieno carico non inferiore a 11,5 tonnellate, omologati ai sensi della direttiva 91/542/CEE, riga B, recepita con D.M. Ambiente 23.03.1992.
       
  Utilizzo in

compensazione

  •  Tali somme sono utilizzabili in compensazione nel modello F24:

–  dei versamenti effettuati nel 2016;

–  fino alla concorrenza di € 300,00 per ciascun veicolo.

La quota utilizzata in compensazione non concorre alla formazione del reddito d’impresa, ai fini delle imposte sui redditi e del valore della produzione netta, ai fini Irap.
       
  Dichiarazione

dei redditi

  Il credito deve essere indicato nell’apposita sezione del quadro RU di Unico 2017.
 

 

Procedure esecutive nel “Decreto banche

 

È stato convertito in legge il D.L. 3.05.2016, n. 59, cosiddetto “decreto banche”, che prevede disposizioni in materia di procedure esecutive e concorsuali, nonché a favore degli investitori in banche in liquidazione. Si sintetizzano le principali modifiche.

 

PEGNO

NON POSSESSORIO

  ·     Gli imprenditori possono costituire un pegno non possessorio per garantire i crediti loro concessi su beni mobili destinati all’esercizio dell’impresa, a esclusione dei beni mobili registrati.

·     Caratteristica essenziale della tipologia di pegno in esame è la mancanza di spossessamento.

 

FINANZIAMENTO

GARANTITO

DA IMMOBILI

  ·     Il contratto di finanziamento concluso tra un imprenditore e una banca, o altro soggetto autorizzato a concedere finanziamenti nei confronti del pubblico, può essere garantito dal trasferimento della proprietà di un immobile o di un altro diritto immobiliare dell’imprenditore.

È esclusa l’abitazione principale del datore di ipoteca, del suo coniuge o di suoi parenti e affini entro il 3° grado.

·     In caso di inadempimenti, il creditore ha diritto di rivalersi sul debitore senza procedimenti giudiziari, prevedendo il passaggio di proprietà dell’immobile, sempre che al proprietario sia corrisposta l’eventuale differenza tra il valore di stima e l’ammontare del debito inadempiuto.

 

REGISTRI   ·     È istituito presso il Ministero della Giustizia un registro elettronico relativo a:

–  le procedure di espropriazione forzata immobiliari;

–  le procedure d’insolvenza;

–  gli strumenti di gestione della crisi.

·     Tale registro ha l’obiettivo di creare un mercato dei crediti deteriorati, mediante la circolazione di informazioni per la stima dei valori dei crediti.

 

BENE

PIGNORATO

  Opposizione

all’esecuzione

  L’opposizione all’esecuzione per espropriazione è inammissibile se è proposta dopo che è stata disposta la vendita o l’assegnazione del bene, sempre che sia fondata su fatti sopravvenuti oppure che l’opponente dimostri di non aver potuto proporla tempestivamente.
       
  Liberazione

dell’immobile

  La liberazione dell’immobile pignorato deve essere attuata dal custode secondo le disposizioni del giudice dell’esecuzione immobiliare, anche senza l’osservanza delle formalità previste per l’esecuzione per consegna o rilascio.
       
  Visita

preventiva

  ·     Gli interessati a presentare l’offerta  di  acquisto  hanno  diritto  di esaminare i beni in vendita entro 7 giorni  dalla  richiesta.

·     La richiesta è formulata mediante il portale delle vendite pubbliche  e non può essere resa nota a persona diversa dal custode.

       
  Vendita

dei beni

  ·     La vendita dei beni immobili pignorati dovrà avvenire obbligatoriamente  con modalità telematiche.

·     Tale bene potrà essere assegnato a favore di un terzo da comunicare entro 5 giorni dalla pronuncia in udienza del provvedimento di assegnazione. In mancanza, il trasferimento è fatto a favore del creditore.

       
  Pagamento

parziale

  I giudici dell’esecuzione e i professionisti delegati possono effettuare distribuzioni anche parziali delle somme ricavate dall’esecuzione immobiliare.

 

FALLIMENTI   ·     Il comitato dei creditori può essere costituito con modalità telematica, senza la necessità di convocazione dinanzi al curatore.

·     È stata data la possibilità di stabilire l’udienza e l’adunanza dei creditori in modalità telematica al fine di salvaguardare il contraddittorio e l’effettiva partecipazione dei creditori.

·     Rappresenta giusta causa per la revoca del curatore il mancato rispetto dell’obbligo di presentare un progetto di ripartizione.

   

 

 

 

Costituzione e scioglimento della convivenza di fatto

 

Si intendono per «conviventi di fatto» due persone maggiorenni unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale, non vincolate da rapporti di parentela, affinità o adozione, da matrimonio o da un’unione civile.

Ferma restando la sussistenza dei presupposti, per l’accertamento della stabile convivenza si fa riferimento alla dichiarazione anagrafica. Per la costituzione gli interessati devono presentare un’apposita dichiarazione sottoscritta da entrambi.

Per la cancellazione della convivenza una o entrambe le parti presentano domanda di scioglimento al Comune. In alcuni casi può avvenire d’ufficio (cessazione della coabitazione nel Comune ovvero matrimonio o unione civile).

 

 

 

 

 

    AGEVOLAZIONI
Finanziamenti agevolati con la Sabatini-ter

 

Con il D.M. 25.01.2016, in conformità a quanto disposto dall’art. 8 D.L. n. 3/2015, il MISE ha fornito la disciplina attuativa della nuova agevolazione “Sabatini-ter”. L’agevolazione consiste nel riconoscimento di un contributo (deliberato entro il 31.12.2016) su finanziamenti utilizzati per l’acquisto di macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché per gli investimenti in hardware, software e in tecnologie digitali.

 

BENEFICIARI  
Tipologia Parametri di riferimento
Occupanti (ULA) Fatturato, ovvero totale bilancio annuo
Micro impresa < 10 ≤ € 2.000.000,00
Piccola impresa < 50 ≤ € 10.000.000,00
Media impresa < 250 ·   Fatturato ≤ € 50.000.000,00

ovvero

·   Totale bilancio annuo ≤ € 43.000.000,00

 

FINALITÀ   ·     Creazione di una nuova unità produttiva.

·     Ampliamento di un’unità produttiva esistente.

·     Diversificazione della produzione all’interno di uno stabilimento mediante prodotti nuovi aggiuntivi.

·     Trasformazione radicale del processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente.

·     Acquisizione degli attivi di uno stabilimento se:

–  lo stabilimento è stato chiuso o sarebbe stato chiuso se non fosse stato acquistato;

–  gli attivi sono acquistati da terzi che non hanno relazioni con l’acquirente;

–  l’operazione avviene a condizioni di mercato.

 

SPESE

AMMESSE

  ·     Investimenti, anche mediante operazioni di leasing finanziario, in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica a uso produttivo (risultano escluse, pertanto, le spese relative a “terreni e fabbricati” e “immobilizzazioni in corso e acconti”).

·     Investimenti in hardware, in software e in tecnologie digitali.

·     Sull’originale di ogni fattura relativa agli investimenti di cui sopra, l’impresa dovrà riportare con scrittura indelebile anche mediante l’utilizzo di un apposito timbro, la seguente dicitura: “Spesa di euro … realizzata con il concorso delle provvidenze previste dall’art. 2, comma 5, del decreto legge 21 giugno 2013, n. 69”.

La fattura che, nel corso di controlli e verifiche, venga trovata sprovvista di tale dicitura, non è considerata valida e determina la revoca della quota corrispondente di agevolazione, fatta salva la possibilità di regolarizzazione da parte dell’impresa beneficiaria.

 

AGEVOLAZIONE   ·     L’agevolazione consiste in finanziamenti della durata massima di 5 anni dalla data di stipula del contratto di finanziamento, comprensivo del periodo di pre-ammortamento o di pre-locazione non superiore a 12 mesi.

·     Il finanziamento deve essere deliberato entro il 31.12.2016 nei limiti del plafond disponibile.

I finanziamenti sono accordati per un valore non inferiore a € 20.000,00 e non superiore a € 2.000.000,00.
       
  Alle imprese che accedono ai finanziamenti è riconosciuta un’agevolazione, consistente in un contributo in conto impianti, pari all’ammontare complessivo degli interessi calcolati in via convenzionale su un finanziamento della durata di 5 anni, al tasso di interesse del 2,75%.   La concessione del contributo è subordinata alla presentazione, unitamente alla richiesta di finanziamento, della domanda di accesso.

 

 

 

    SCADENZARIO
Principali adempimenti mese di agosto 2016*

 

Scad. 2016   Tributo Contributo   0BDescrizione

 

Lunedì

1 agosto

  Contenzioso   Sospensione feriale dei termini – Inizia il periodo di sospensione dei termini processuali per le giurisdizioni ordinarie, amministrative e speciali tributarie (D.L. 132/2014).

 

Lunedì

15 agosto

  Iva   Registrazione – Per le fatture emesse nel corso del mese precedente, di importo inferiore a € 300,00, può essere annotato entro oggi, con riferimento a tale mese, in luogo di ciascuna fattura, un documento riepilogativo.
    Registrazione – Le operazioni per le quali è rilasciato lo scontrino fiscale o la ricevuta, per effetto dell’equiparazione tra scontrino e ricevuta, effettuate in ciascun mese solare, possono essere annotate, con unica registrazione, nel registro dei corrispettivi entro oggi.
    Fattura cumulativa – Per le operazioni (comprese le prestazioni di servizi) effettuate nello stesso mese solare, nei confronti di un medesimo soggetto, è possibile emettere un’unica fattura entro il giorno 15 del mese successivo all’effettuazione delle operazioni.
    Operazioni con l’estero – Entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione deve essere emessa: la fattura relativa alle cessioni intracomunitarie non imponibili; la fattura relativa alle prestazioni di servizi “generiche” rese a soggetti passivi non stabiliti in Italia; l’autofattura relativa alle prestazioni di servizi “generiche” ricevute da soggetto passivo stabilito al di fuori dell’UE. Per gli acquisti intracomunitari, in caso di mancato ricevimento della relativa fattura entro il 2° mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, il cessionario deve emettere l’autofattura entro il giorno 15 del 3° mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione.

In caso di fattura indicante un corrispettivo inferiore a quello reale, il cessionario deve emettere l’autofattura entro il giorno 15 del mese successivo alla registrazione della fattura originaria (L. 228/2012).

  Associazioni

sportive

dilettantistiche

  Registrazioni – Le associazioni sportive dilettantistiche che fruiscono dell’opzione di cui all’art. 1 L. 398/1991 devono effettuare l’annotazione dei corrispettivi e dei proventi conseguiti nell’esercizio dell’attività commerciale, con riferimento al mese precedente.

 

Martedì

16 agosto

  Gli adempimenti fiscali e il versamento delle somme di imposte, contributi Inps e altre somme a favore dello Stato che hanno scadenza dal 1.08 al 20.08 di ogni anno, possono essere effettuati entro il giorno 20 dello stesso mese, senza alcuna maggiorazione (art. 3-quater D.L. 16/2012, conv. in L. 44/2012).
       
  Imposte dirette   Unico 2016 – I contribuenti titolari di partita Iva che hanno scelto di rateizzare le imposte e i contributi dovuti, devono versare entro oggi la relativa rata, con gli interessi.
    Versamento ritenute – Termine ultimo per il versamento delle ritenute alla fonte operate nel mese precedente riguardanti redditi di lavoro dipendente, di lavoro autonomo, su provvigioni e su altri redditi di capitale, ovvero operate dai condomini in qualità di sostituti d’imposta.
  Iva   Liquidazione e versamento – Termine ultimo concesso ai contribuenti trimestrali per operare la liquidazione relativa al trimestre precedente e per versare l’eventuale imposta a debito.
    Liquidazione e versamento – Termine ultimo concesso ai contribuenti trimestrali per operare la liquidazione relativa al trimestre precedente e per versare l’eventuale imposta a debito.
    Versamento – Termine di versamento della rata dell’Iva relativa all’anno d’imposta 2015 derivante dalla dichiarazione annuale con gli interessi.
    Contabilità presso terzi – Termine ultimo di cui si possono avvalere i contribuenti mensili, che affidano a terzi la tenuta della contabilità, per il calcolo del debito o credito d’imposta relativi al mese di luglio 2016, riferendosi alle registrazioni eseguite nel mese di giugno 2016.
    Associazioni sportive dilettantistiche in regime 398/1991 – Termine di versamento dell’Iva relativa al 2° trimestre 2016, mediante il modello F24.
  Imposta sugli

intrattenimenti

  Versamento – Versamento dell’imposta sugli intrattenimenti relativa alle attività svolte con continuità nel mese precedente.
  Imposta sulle

transazioni

finanziarie

  Versamento – Termine di versamento dell’imposta sulle transazioni finanziarie dovuta sulle operazioni su strumenti finanziari derivati e su valori mobiliari poste in essere nel mese precedente (Tobin Tax).
  Inps   Contributi previdenziali ed assistenziali – Versamento dei contributi relativi al mese precedente, compresa la quota mensile di Tfr al Fondo di Tesoreria Inps, mediante il Mod. F24.
    Contributi Gestione Separata – Versamento del contributo previdenziale alla Gestione Separata, da parte dei committenti, sui compensi pagati nel mese precedente.
    Artigiani e commercianti – Termine per effettuare il versamento della 2ª rata del contributo fisso minimo per il 2016.
  Inps gestione

ex-Enpals

  Versamento – Le aziende del settore dello spettacolo e dello sport devono provvedere al versamento, mediante Mod. F24, dei contributi Enpals dovuti per il periodo di paga scaduto il mese precedente.
  Inail   Autoliquidazione – I datori di lavoro che hanno scelto di rateizzare il premio Inail, relativo al saldo 2015 e all’acconto 2016, devono effettuare il versamento della relativa rata.

 

 

 

Principali adempimenti mese di agosto 2016*(segue)

 

Scad. 2016   Tributo Contributo   1BDescrizione

 

Sabato2

20 agosto

  Imposte dirette   Unico 20161 – Termine entro il quale è possibile effettuare, con la maggiorazione, i versamenti che risultano dai modelli di dichiarazione Unico e Irap per tutti i contribuenti (persone fisiche e non) che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore, indipendentemente dall’esistenza di cause di esclusione o di inapplicabilità, e che dichiarano ricavi o compensi non superiori al limite stabilito dalla legge.
    Società di comodo1 – Termine di versamento, in unica soluzione o della 1ª rata, della maggiorazione Ires del 10,50% a titolo di saldo 2015 e di 1° acconto 2016, con la maggiorazione, per i contribuenti che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore.
    Acconto 20%1 – Termine per effettuare il versamento dell’acconto del 20% sui redditi a tassazione separata, con la maggiorazione, per i contribuenti che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore.
    Sostituti d’imposta “minimi”1 – Termine di versamento, con la maggiorazione, delle ritenute sui redditi di lavoro autonomo operate nel 2015 da parte dei sostituti d’imposta interessati dagli studi di settore che, durante l’anno, corrispondono soltanto compensi di lavoro autonomo a non più di 3 soggetti e non effettuano ritenute di importo superiore a € 1.032,92.
  Iva   Versamento1 – Versamento Iva anno 2015 per i contribuenti interessati dagli studi di settore che presentano la dichiarazione UNICO 2016, con la maggiorazione a titolo di interesse per ogni mese o frazione di mese successivo al 16.03.2016, con l’ulteriore maggiorazione dello 0,40%.
  Cedolare secca   Versamento1 – Termine di versamento, in unica soluzione o come 1ª rata (nella misura del 40%), del saldo e dell’acconto dell’imposta sostitutiva dovuta (di importo complessivo pari o superiore a € 257,52), con la maggiorazione, per i contribuenti che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore.
  Studi di settore   Versamento1 – Termine di versamento di Irpef, Ires, Irap e Iva relative ai maggiori ricavi o compensi nella dichiarazione dei redditi e dell’eventuale maggiorazione del 3% per effetto dell’adeguamento spontaneo agli studi di settore, con gli  interessi.
  Immobili

all’estero

  Versamento1  – Termine di versamento, per i contribuenti che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore, in unica soluzione o come 1ª rata, dell’imposta sugli immobili situati all’estero (IVIE), a qualsiasi uso destinati, a titolo di saldo 2015 e 1° acconto 2016, con la maggiorazione (art. 19, c. 13-17 D.L. 201/2011).
  Attività

finanziarie

all’estero

  Versamento1 – Termine di versamento, per i contribuenti che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore, in unica soluzione o come 1ª rata, dell’imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all’estero (Ivafe), a titolo di saldo 2015 e 1° acconto 2016, con la maggiorazione (art. 19, c. 18-22 D.L. 201/2011).
  Rivalutazione beni

d’impresa

  Versamento – Termine di versamento, in unica soluzione, con la maggiorazione, dell’imposta sostitutiva dovuta dai soggetti interessati dagli studi di settore in relazione alla rivalutazione dei beni d’impresa e delle partecipazioni, ad esclusione degli immobili alla cui produzione o al cui scambio è diretta l’attività d’impresa, risultanti dal bilancio dell’esercizio in corso al 31.12.2014 (art. 1, cc. 889-896 L. 208/2015).
  Riallineamento

valori fiscali in

caso di operazioni

straordinarie

  Imposta sostitutiva1 Termine di versamento, in unica soluzione, dell’imposta sostitutiva per i soggetti Ires interessati dagli studi di settore con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare che effettuano il riallineamento dei valori fiscali in occasione di operazioni straordinarie, con la maggiorazione (art. 15, cc. 10-12 D.L. 185/2008).
  Riconoscimento

maggiori valori

attribuiti

in bilancio

  Imposta sostitutiva1 Versamento rata dell’imposta sostitutiva delle imposte dirette e dell’Irap per il riconoscimento fiscale dei maggiori valori attribuiti in bilancio in occasione di operazioni di conferimento d’aziende, fusioni e scissioni per i soggetti interessati dagli studi di settore, con la maggiorazione (art. 1, cc. 46-47 L. 244/2007).
  Riallineamento

per società

in consolidato

o trasparenza

  Imposta sostitutiva1 – Termine di versamento dell’imposta sostitutiva dell’Ires, con la maggiorazione, per le società aderenti al consolidato fiscale o in regime di trasparenza fiscale che hanno riallineato i valori civilistici a quelli fiscali e che sono interessate dagli studi di settore (art. 1, c. 49 L. 244/2007).
  Diritto annuale

C.C.I.A.A.

  Versamento1 – Termine di versamento del diritto annuale alla Camera di Commercio per le imprese interessate dagli studi di settore, già iscritte al Registro delle Imprese, con la maggiorazione dello 0,40%.
  Inps   Contributi Gestione Separata1 – Termine per effettuare il versamento, con l’applicazione di interessi, del saldo 2015 e acconto 2016 da parte dei professionisti senza cassa previdenziale iscritti alla Gestione Separata dell’Inps interessati dagli studi di settore.
    Contributi artigiani e commercianti1 – Termine per il versamento dei contributi Ivs dovuti sul reddito eccedente il minimale a saldo per il 2015 e del 1° acconto per il 2016, con la maggiorazione, per i contribuenti che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore.

Per i soci di Srl iscritti alla Gestione Inps artigiani o commercianti, qualora la Srl sia soggetta agli studi di settore, ma non sia in regime di trasparenza fiscale, la Ris. Agenzia delle Entrate 25.09.2013, n. 59 (anche se con riferimento ai danni del sisma 2012) ha precisato che il differimento interessa esclusivamente il versamento dei contributi Inps, mentre le imposte dovute (es. Irpef e relative addizionali, cedolare secca) rimangono alle ordinarie scadenze (16.06, ovvero 16.07 con lo 0,4%), in quanto non dipendono direttamente dal reddito dichiarato dalla società partecipata.

  Enasarco   Versamento – Termine di versamento, da parte delle case mandanti, dei contributi previdenziali relativi al trimestre aprile-giugno 2016.
  Conai   Denuncia – Termine entro il quale i produttori di imballaggi devono inviare al Conai la denuncia mensile.

 

 

 

  Principali adempimenti mese di agosto 2016* (segue)

 

Scad. 2016   Tributo Contributo   1BDescrizione

 

Giovedì

25 agosto

  Iva   Elenchi Intrastat – Termine per la presentazione telematica degli elenchi delle cessioni e degli acquisti intracomunitari, nonché delle prestazioni di servizi, relativi al mese precedente.

 

Martedì

30 agosto

  Imposta

di registro

  Contratti di locazione – Termine ultimo per versare l’imposta di registro sui nuovi contratti di locazione di immobili, con decorrenza 1° del mese, e di quella inerente ai rinnovi ed alle annualità, in assenza di opzione per il regime della cedolare secca.

 

Mercoledì

31 agosto

  Imposte

dirette

  Unico 2016 – I soggetti non titolari di partita Iva, che hanno scelto di rateizzare le imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi devono effettuare il versamento della relativa rata, con gli interessi.
  Contenzioso   Sospensione feriale dei termini – A decorrere dal 2015 la sospensione feriale dei termini è fissata dal 1 al 31.08 di ogni anno (D.L. 132/2014).
  Iva   Fattura differita – Emissione e annotazione delle fatture differite limitatamente alle cessioni effettuate a terzi dal cessionario per il tramite del proprio cedente nel corso del mese precedente
    Registrazione, fatturazione – Obblighi mensili di registrazione e fatturazione per le operazioni svolte nel mese.
    Enti non commerciali – Termine di presentazione della dichiarazione relativa agli acquisti intracomunitari registrati nel mese precedente e del versamento delle relative imposte.
    Acquisti da San Marino – Termine di invio telematico della comunicazione degli acquisti di beni effettuati da San Marino nel mese precedente, mediante il modello polivalente.
  Imposta

di bollo

  Bollo virtuale – Termine di versamento, mediante Mod. F24, della rata bimestrale dell’imposta di bollo assolta in modo virtuale per i soggetti autorizzati (art. 15 D.P.R. 642/1972 – Ris. Ag. Entrate 3.02.2015, n. 12/E).
  Libro unico

del lavoro

  Adempimento – Termine entro il quale effettuare le scritturazioni obbligatorie sul libro unico del lavoro con riferimento al mese precedente.
  Inps   Flusso UniEmens – Termine di invio del flusso UniEmens per denunciare le retribuzioni e le contribuzioni dovute per i lavoratori dipendenti, per i collaboratori, nonché per i lavoratori dello spettacolo e dello sport, riferite al mese precedente.
  Fasi   Contributi assistenziali – Termine ultimo per il versamento dei contributi di assistenza sanitaria integrativa relativi al 3° trimestre 2016.

 

*      Gli adempimenti fiscali e il versamento delle somme di imposte, contributi Inps e altre somme a favore dello Stato che hanno scadenza dal 1.08 al 20.08 di ogni anno, possono essere effettuati entro il giorno 20 dello stesso mese, senza alcuna maggiorazione (art. 3-quater D.L. 16/2012, conv. in L. 44/2012).

Il differimento dei termini riguarda tutti i versamenti unitari che si devono effettuare con il modello F24 e comprende anche i contributi previdenziali e assistenziali dovuti dai datori di lavoro, dai committenti/associanti per i rapporti di collaborazione o associazione in partecipazione con apporto di solo lavoro e venditori a domicilio e dai titolari di posizione assicurativa in una delle gestioni amministrate dall’Inps (Mess. Inps 18.07.2012, n. 12052), nonché i premi assicurativi/Inail e/o relativi accessori (nota Inail 18.07.2012).

 

Note 1.  I contribuenti tenuti ai versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi, da quelle in materia di imposta regionale sulle attività produttive e dalla dichiarazione unificata annuale, entro il 16.06.2016, che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore e che dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito per ciascuno studio di settore, effettuano i predetti versamenti:

–  entro il giorno 6.07.2016, senza alcuna maggiorazione;

–  dal 7.07.2016 al 20.08.2016, maggiorando le somme da versare dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo.

Tali disposizioni si applicano, oltre che ai soggetti che applicano gli studi di settore o che presentano cause di esclusione o di inapplicabilità dagli stessi, compresi quelli che adottano il regime di vantaggio (art.27, c.1, D.L. 6.7.2011, n. 98, conv. L.15.07.2011, n. 111) nonché quelli che applicano il regime forfetario (art. 1, cc.da 54 a 89, della L.23.12.2014, n. 190), anche a quelli che partecipano (ai sensi degli artt. 5, 115 e 116 del Tuir), a società, associazioni e imprese con i requisiti sopra indicati (D.P.C.M. 15.06.2016).

2.  Se il termine scade in giorno festivo, è prorogato di diritto al giorno seguente non festivo (art. 2963, c. 3 C.C.).

L’art. 18, c. 1 D. Lgs. 9.07.1997, n. 241 prevede che i versamenti che scadono di sabato o di giorno festivo sono tempestivi se effettuati il 1° giorno lavorativo successivo.

I termini di presentazione e di trasmissione della dichiarazione che scadono di sabato sono prorogati d’ufficio al 1° giorno feriale successivo (art. 2, c. 9 D.P.R. 322/1998).

Gli adempimenti e i versamenti previsti da disposizioni relative a materie amministrate da articolazioni del Ministero dell’Economia e delle Finanze, comprese le Agenzie fiscali, ancorché previsti in via esclusivamente telematica, ovvero che devono essere effettuati nei confronti delle medesime articolazioni o presso i relativi uffici, i cui termini scadono di sabato o di giorno festivo, sono prorogati al 1° giorno lavorativo successivo [art. 7, c. 2, lett. l) D.L. 13.05.2011, n. 70].

 

 

 

  Principali adempimenti mese di settembre 2016

 

Scad. 2016   Tributo Contributo   1BDescrizione

 

Giovedì

1

settembre

  Contenzioso   Sospensione feriale dei termini – Riprendono a decorrere i termini processuali sospesi dall’1.08.2016 (D.L. 132/2014).

 

Giovedì

15

settembre

  Imposte dirette   Mod. 770 Semplificato e Ordinario – Un D.P.C.M. alla firma del Presidente del Consiglio dei Ministri rinvia al 15.09.2016 il termine di presentazione del mod. 770 Semplificato e Ordinario.
  Iva   Registrazione – Per le fatture emesse nel corso del mese precedente, di importo inferiore a € 300,00, può essere annotato entro oggi, con riferimento a tale mese, in luogo di ciascuna fattura, un documento riepilogativo.
    Registrazione – Le operazioni per le quali è rilasciato lo scontrino fiscale o la ricevuta, per effetto dell’equiparazione tra scontrino e ricevuta, effettuate in ciascun mese solare, possono essere annotate, con unica registrazione, nel registro dei corrispettivi entro oggi.
    Fattura cumulativa – Per le operazioni (comprese le prestazioni di servizi) effettuate nello stesso mese solare, nei confronti di un medesimo soggetto, è possibile emettere un’unica fattura entro il giorno 15 del mese successivo all’effettuazione delle operazioni.
    Operazioni con l’estero – Entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione deve essere emessa: la fattura relativa alle cessioni intracomunitarie non imponibili; la fattura relativa alle prestazioni di servizi “generiche” rese a soggetti passivi non stabiliti in Italia; l’autofattura relativa alle prestazioni di servizi “generiche” ricevute da soggetto passivo stabilito al di fuori dell’UE. Per gli acquisti intracomunitari, in caso di mancato ricevimento della relativa fattura entro il 2° mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, il cessionario deve emettere l’autofattura entro il giorno 15 del 3° mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione.

In caso di fattura indicante un corrispettivo inferiore a quello reale, il cessionario deve emettere l’autofattura entro il giorno 15 del mese successivo alla registrazione della fattura originaria (L. 228/2012).

  Associazioni

sportive

dilettantistiche

  Registrazioni – Le associazioni sportive dilettantistiche che fruiscono dell’opzione di cui all’art. 1 L. 398/1991 devono effettuare l’annotazione dei corrispettivi e dei proventi conseguiti nell’esercizio dell’attività commerciale, con riferimento al mese precedente.
  Ragionieri

Commercialisti

  Versamento – Termine di versamento dell’acconto “eccedenze” soggettivo, integrativo e soggettivo supplementare (predeterminato dalla Cassa sulla base dei dati del modello A/19 dell’anno precedente).

 

Venerdì

16

settembre

  Imposte dirette   Unico 2016 – I contribuenti titolari di partita Iva che hanno scelto di rateizzare le imposte e i contributi dovuti, devono versare entro oggi la relativa rata, con gli interessi.
    Versamento ritenute – Termine ultimo per il versamento delle ritenute alla fonte operate nel mese precedente riguardanti redditi di lavoro dipendente, di lavoro autonomo, su provvigioni e su altri redditi di capitale, ovvero operate dai condomini in qualità di sostituti d’imposta.
  Iva   Liquidazione e versamento – Termine ultimo concesso ai contribuenti mensili per operare la liquidazione relativa al mese precedente e per versare l’eventuale imposta a debito.
    Versamento – Termine di versamento della rata dell’Iva relativa all’anno d’imposta 2015 derivante dalla dichiarazione annuale con gli interessi.
    Contabilità presso terzi – Termine ultimo di cui si possono avvalere i contribuenti mensili, che affidano a terzi la tenuta della contabilità, per il calcolo del debito o credito d’imposta relativi al mese di agosto 2016, riferendosi alle registrazioni eseguite nel mese di luglio 2016.
  Imposta sugli

intrattenimenti

  Versamento – Versamento dell’imposta sugli intrattenimenti relativa alle attività svolte con continuità nel mese precedente.
  Imposta sulle

transazioni

finanziarie

  Versamento – Termine di versamento dell’imposta sulle transazioni finanziarie dovuta sulle operazioni su strumenti finanziari derivati e su valori mobiliari poste in essere nel mese precedente (Tobin Tax).
  Inps   Contributi previdenziali ed assistenziali – Versamento dei contributi relativi al mese precedente, compresa la quota mensile di Tfr al Fondo di Tesoreria Inps, mediante il Mod. F24.
    Contributi Gestione Separata – Versamento del contributo previdenziale alla Gestione Separata, da parte dei committenti, sui compensi pagati nel mese precedente.
    Agricoltura – Versamento della 2ª rata dei contributi previdenziali e assistenziali per i lavoratori autonomi in agricoltura, dovuti per il 2016.
    Agricoltura – Le imprese agricole devono procedere al versamento dei contributi previdenziali per la manodopera agricola relativi al 1° trimestre 2016, mediante il Mod. F24.
  Inps gestione

ex-Enpals

  Versamento – Le aziende del settore dello spettacolo e dello sport devono provvedere al versamento, mediante Mod. F24, dei contributi Enpals dovuti per il periodo di paga scaduto il mese precedente.
  Consulenti

del lavoro

  Enpacl – Termine di versamento della 3ª rata del contributo soggettivo anno 2016 e della 1ª rata del contributo integrativo. Entro oggi deve essere trasmessa, in via telematica, la comunicazione obbligatoria relativa all’ammontare del volume d’affari ai fini Iva.

 

Martedì

20

settembre

  Comunicazione

Black list

  Invio – Termine per l’invio della comunicazione annuale black list relativa al 2015 (Comunicato Ag. Entrate 24.03.2016).
  Conai   Denuncia – Termine entro il quale i produttori di imballaggi devono presentare al Conai la denuncia mensile riferita al mese precedente.

 

Domenica

25

settembre

  Iva   Elenchi Intrastat – Termine per la presentazione telematica degli elenchi delle cessioni e degli acquisti intracomunitari, nonchè delle prestazioni di servizi, relativi al mese precedente.

 

 

   

Principali adempimenti mese di settembre 2016 (segue)

 

Scad. 2016   Tributo Contributo   1BDescrizione

 

Venerdì

30

settembre

  Accertamento   Remissione in bonis – Entro il 30.09 è possibile sanare alcune comunicazioni fiscali di natura formale effettuate tardivamente ovvero omesse, relative alla fruizione di benefici fiscali o all’accesso a regimi fiscali opzionali. La violazione non deve già essere stata oggetto di contestazione e non devono essere iniziati accessi o ispezioni, verifiche o altre attività di accertamento.
  Imposte

dirette

 

  Unico 2016 – Termine di trasmissione telematica diretta o mediante intermediari del modello Unico 2016 per le persone fisiche obbligate alla presentazione in via telematica e per i soggetti Ires con esercizio coincidente con l’anno solare.
    Dichiarazione Irap – Termine di trasmissione telematica diretta o mediante intermediari abilitati.
    Codice attività – Se il contribuente non ha comunicato il codice di attività o lo ha fatto in modo errato può indicare il corretto codice attività nel modello Unico 2016 e presentare la dichiarazione di variazione dati agli Uffici territoriali delle Direzioni Provinciali dell’Agenzia delle Entrate entro il termine di presentazione del modello Unico 2016; in questo caso non si applicano le sanzioni (istruzioni modello studi di settore).
    Mod. 730/2016 – I contribuenti comunicano al sostituto d’imposta di non voler effettuare o di effettuare un minore acconto dell’Irpef/cedolare secca per l’anno 2016 rispetto a quello indicato nel Mod. 730-3.
    Unico 2016 – I soggetti non titolari di partita Iva, che hanno scelto di rateizzare le imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi devono effettuare il versamento della relativa rata, con gli interessi.
    Assegnazione/cessione agevolata beni ai soci – Le S.n.c., S.a.s., S.r.l., S.p.a. e S.a.p.a. che, entro il 30.09.2016, assegnano o cedono ai soci beni immobili, diversi da quelli strumentali, o beni mobili iscritti in pubblici registri non utilizzati come beni strumentali nell’attività propria dell’impresa, possono applicare disposizioni agevolate a condizione che tutti i soci risultino iscritti nel libro dei soci, ove prescritto, alla data del 30.09.2015, ovvero che siano iscritti entro il 30.01.2016, in forza di titolo di trasferimento avente data certa anteriore al 1.10.2015.

Le medesime disposizioni si applicano alle società che hanno per oggetto esclusivo o principale la gestione dei predetti beni e che entro il 30.09.2016 si trasformano in società semplici.

  Iva   Dichiarazione Iva separata – Termine di trasmissione telematica.
    Parametri – I contribuenti (società di capitali, soggetti equiparati ed enti non commerciali) che presentano in via telematica il modello Unico e che intendono adeguarsi alle risultanze dei parametri devono effettuare il versamento della maggiore imposta dovuta entro oggi, senza applicazione di sanzioni e interessi, utilizzando il codice tributo 6493.
    Rimborso Iva estera – Termine di presentazione della richiesta di rimborso dell’imposta sul valore aggiunto di altro Stato Europeo assolta sugli acquisti.
    Fattura differita – Emissione e annotazione delle fatture differite limitatamente alle cessioni effettuate a terzi dal cessionario per il tramite del proprio cedente nel corso del mese precedente.
    Registrazione, fatturazione – Obblighi mensili di registrazione e fatturazione per le operazioni svolte nel mese.
    Enti non commerciali – Termine di presentazione della dichiarazione relativa agli acquisti intracomunitari registrati nel mese precedente e del versamento delle relative imposte.
    Acquisti da San Marino – Termine di invio telematico della comunicazione degli acquisti di beni effettuati da San Marino nel mese precedente, mediante il modello polivalente.
  Imposta

di registro

  Contratti di locazione – Termine ultimo per versare l’imposta di registro sui nuovi contratti di locazione di immobili, con decorrenza 1° del mese, e di quella inerente ai rinnovi ed alle annualità, in assenza di opzione per il regime della cedolare secca.
  Libro unico

del lavoro

  Adempimento – Termine entro il quale effettuare le scritturazioni obbligatorie sul libro unico del lavoro con riferimento al mese precedente.
  Inps   Flusso UniEmens – Termine di invio del flusso UniEmens per denunciare le retribuzioni e le contribuzioni dovute per i lavoratori dipendenti, per i collaboratori, nonché per i lavoratori dello spettacolo e dello sport, riferite al mese precedente.
    Contributi volontari – Versamento dei contributi volontari relativi al 2° trimestre 2016 mediante gli appositi bollettini rilasciati dall’Inps.
    Mod. 503/AUT – Termine di presentazione del modello 503/AUT per i pensionati titolari di redditi di lavoro autonomo (art. 10 D. Lgs. 503/1992).
  Dottori

commercialisti

  Contributi – Scadenza della 4ª rata delle eccedenze 2015 esclusivamente per coloro che hanno scelto la rateizzazione in fase di adesione al servizio SAT 2015 PCE.
  Tasse

automobilistiche

  Sospensione pagamento tassa di possesso – Termine ultimo per la spedizione dell’elenco autovetture acquistate usate o ricevute in procura a vendere nel 2° quadrimestre 2016 da parte delle concessionarie, al fine di sospendere il pagamento delle tasse di possesso.
  5 per mille   Regolarizzazione – Termine entro il quale gli enti, che non hanno assolto, in tutto o in parte, entro i termini di scadenza, gli adempimenti  richiesti per l’ammissione al 5 per mille, possono presentare le domande di iscrizione ed effettuare le relative integrazioni documentali, versando contestualmente la sanzione di € 250,00.

 

Nota •   Se il termine scade in giorno festivo, è prorogato di diritto al giorno seguente non festivo (art. 2963, c. 3 C.C.).

•   L’art. 18, c. 1 D. Lgs. 9.07.1997, n. 241 prevede che i versamenti che scadono di sabato o di giorno festivo sono tempestivi se effettuati il 1° giorno lavorativo successivo.

•   I termini di presentazione e di trasmissione della dichiarazione che scadono di sabato sono prorogati d’ufficio al 1° giorno feriale successivo (art. 2, c. 9 D.P.R. 322/1998).

•   Gli adempimenti e i versamenti previsti da disposizioni relative a materie amministrate da articolazioni del Ministero dell’Economia e delle Finanze, comprese le Agenzie fiscali, ancorché previsti in via esclusivamente telematica, ovvero che devono essere effettuati nei confronti delle medesime articolazioni o presso i relativi uffici, i cui termini scadono di sabato o di giorno festivo, sono prorogati al 1° giorno lavorativo successivo [art. 7, c. 2, lett. l) D.L. 13.05.2011, n. 70].

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi