Oggetto: PMI INNOVATIVE – LA GUIDA STARSUP

Mini guida alle PMI innovative: definizioni, agevolazioni e normativa, anche per le piccole e medie imprese non caratterizzate da un elevato livello di innovazione.

Startup e PMI innovative: novità 2016

Startup e PMI innovative sono gli obiettivi a cui punta il governo e lo fa prorogando le agevolazioni anche per il 2016. Con un decreto firmato congiuntamente dal Ministero dell’Economia e Ministero dello Sviluppo Economico sono estese anche per quest’anno leagevolazioni per chi investe in startup. Spazio anche alla costituzione delle startup tramite modello standard e al fondo di garanzia per le Pmi innovative.

 

Anche per il 2016 saranno disponibili le agevolazioni riservate a chi investe in startup. Si tratta di una detrazione del 19% dei conferimenti per importi fino a 500.000 euro per le persone fisiche e del 20% dei conferimenti fino a 1,8 milioni di euro per i soggetti Ires. Tali percentuali salgono rispettivamente al 25% e al 27% nel caso di startup a vocazione sociale o che sviluppano e commercializzano prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico in ambito energetico.

 

Ricordiamo che i benefici fiscali applicabili alle startup innovative sono descritti nell’articolo 29 del decreto legge 179/2012, che stabilisce con precisione caratteristiche degli investitori, limiti di spesa, investimenti agevolati, caratteristiche della detrazione.

Infine, il decreto sull’accesso al Fondo di Garanzia amplia alle PMI innovative la procedura semplificata. In pratica, anche le PMI innovative (istituite dal decreto legge 3/2015, l’Investment Compact) possono accedere al Fondo senza che il gestore effettui la valutazione del merito creditizio dell’azienda beneficiaria (che verrà comunque fatta dalla banca o dai Confidi).

 

Startup senza notaio

Da quest’anno sarà possibile costituire una startup senza dover necessariamente recarsi da un notaio. In pratica, atto costitutivo e statuto saranno redatti online, sulla base di un modello standard, e sottoscritti con impronta digitale. Il documento verrà, quindi, trasmesso al registro delle imprese per l’iscrizione entro 20 giorni.

 

Fondo di garanzia

Sarà più facile per le PMI innovative accedere al Fondo di garanzia. La procedura permette l’accesso semplificato alla garanzia senza che il gestore del Fondo effettui la valutazione del merito creditizio dell’impresa.

 

Detrazione investimenti in start-up fuori dal 730

Il modello 730 non consente di portare in detrazione gli investimenti in start-up innovative, richiedendo invece una dichiarazione dei redditi tramite UNICO PF: chiarimenti del Fisco.

Per ottenere la detrazione fiscale che spetta a chi investe in start-up innovative è necessario presentare il modello UNICO: lo precisa la circolare 26/E dell’Agenzia delle Entrate con le FAQ sulla dichiarazione dei redditi 2015 e in particolare sul 730 semplificato e ordinario.

 

Detrazione in Unico

Nel modello UNICO PF (persone fisiche), il rigo RP 80 è appositamente dedicato alla detrazione investimenti in start-up. La compilazione del rigo prevede l’indicazione del codice fiscale della start-up in cui è stato effettuato l’investimento, la tipologia, l’ammontare dell’investimento,  il codice che identifica la detrazione al 19 o al 25%, l’ammontare della detrazione spettante e poi il totale delle detrazioni, nel caso in cui siano stati effettuati più investimenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi