OGGETTO: IL NUOVO MODELLO DI DICHIARAZIONE D’INTENTO UTILIZZABILE DALL’1.3.2017

 

Recentemente l’Agenzia delle Entrate ha approvato il nuovo mod.DI utilizzabile dagli esportatori abituali per gli acquisti senza IVA.

Nel nuovo modello si evidenzia l’eliminazione della possibilità di indicare nella dichiarazione d’intento il periodo di validità della stessa (da … a …).

Il nuovo modello è utilizzabile per gli acquisti da effettuare a decorrere dall’1.3.2017.

A decorrere da tale data quindi la dichiarazione d’intento può essere rilasciata soltanto per 1 o più operazioni, nel limite dell’importo specificato nel modello.

 

 

 

Come noto, con il D.Lgs. n. 175/2014, l’obbligo di comunicare i dati delle dichiarazioni d’intento è stato “trasferito” in capo all’esportatore abituale che è quindi tenuto ad inviare:

  • all’Agenzia delle Entrate, i dati delle dichiarazioni d’intento emesse, utilizzando l’apposito mod. DI approvato dall’Agenzia;
  • al fornitore / Dogana, la dichiarazione d’intento unitamente alla ricevuta di avvenuta presentazione della stessa, rilasciata dall’Agenzia delle Entrate.

Per contro il fornitore per poter effettuare cessioni / prestazioni senza IVA deve aver:

  • ricevuto la dichiarazione d’intento e la relativa ricevuta di presentazione all’Agenzia delle Entrate, consegnategli dall’esportatore abituale;
  • riscontrato telematicamente l’avvenuta presentazione della dichiarazione d’intento all’Agenzia delle Entrate da parte dell’esportatore abituale.

Il fornitore deve altresì riepilogare nella dichiarazione IVA annuale le dichiarazioni d’intento ricevute (a tal fine nel mod. IVA è presente il quadro VI).

Recentemente l’Agenzia delle Entrate con il Provvedimento 2.12.2016:

  • ha approvato il nuovo mod. DI, le relative istruzioni e le specifiche tecniche per l’invio telematico. La novità rilevante del nuovo modello consiste nell’eliminazione della possibilità di indicare il periodo di validità della dichiarazione d’intento;
  • ha disposto che il nuovo modello va utilizzato per le dichiarazioni d’intento relative alle operazioni di acquisto da effettuare a decorrere dall’1.3.2017.

 

LA STRUTTURA DEL NUOVO MODELLO

La struttura del nuovo mod. DI non ha subito modifiche rispetto a quello attualmente utilizzato. Lo

stesso si compone quindi delle seguenti Sezioni:

  • Dati del dichiarante;
  • Dati relativi al rappresentante firmatario della dichiarazione;
  • Recapiti;
  • Integrativa;
  • Dichiarazione;
  • Destinatario della dichiarazione;
  • Firma;
  • Quadro A – Plafond, costituito dalle sottosezioni “Tipo”, “Operazioni che concorrono alla formazione del plafond” e “Impegno alla presentazione telematica”.

L’esportatore abituale può consegnare ai propri fornitori la dichiarazione, escludendo il Quadro A – Plafond.

La dichiarazione va presentata esclusivamente in via telematica direttamente dall’esportatore abituale, se abilitato a Entratel / Fisconline, ovvero tramite un soggetto abilitato.

 

LA NOVITÀ DEL NUOVO MODELLO

Come sopra accennato, il citato Provvedimento 2.12.2016 ha modificato il mod. DI eliminando dalla Sezione “Dichiarazione” la possibilità di indicare il periodo di validità della dichiarazione d’intento.

Nelle Motivazioni del Provvedimento in esame l’Agenzia precisa che:

Le modifiche non comportano alcuna variazione alla possibilità per gli esportatori abituali di effettuare operazioni di acquisto senza applicazione dell’imposta sul valore aggiunto, consentendo tuttavia un più puntuale monitoraggio ed una migliore analisi del rischio delle operazioni in commento, anche al fine di contrastare fenomeni evasivi e fraudolenti connessi

all’utilizzo improprio di tale regime agevolativo”.

 

Pertanto, fino al 28.2.2017 l’esportatore abituale può inviare la dichiarazione d’intento ai fornitori utilizzando il precedente modello nel quale è possibile indicare il periodo di “validità” della stessa.

 

 

Per gli acquisti effettuati dall’1.3.2017 la dichiarazione d’intento può essere rilasciata soltanto:

  • per 1 o più operazioni;
  • nel limite dell’importo specificato a campo 1 o 2.

 

Si rammenta che nella Sezione “Dichiarazione” l’esportatore abituale deve dichiarare:

  • per quale tipologia di operazioni, “ACQUISTI” ovvero “IMPORTAZIONI”, intende avvalersi

della facoltà di effettuare acquisti senza applicazione dell’IVA;

  • l’anno nel quale detti acquisti / importazioni saranno effettuati;
  • la tipologia del bene / servizio che intende acquistare / importare.

Nel caso in cui il mod. DI sia presentato in Dogana per effettuare un’importazione senza IVA, considerato che non è possibile determinarne “a priori” l’esatto ammontare, le istruzioni per la compilazione prevedono che a campo 1 va indicato:

“un valore presunto relativamente all’imponibile ai fini IVA, riferito alla singola operazione

doganale, che tenga cautelativamente conto di tutti gli elementi che concorrono al calcolo

di tale imponibile. L’importo di effettivo impegno del plafond sarà quello risultante dalla

dichiarazione doganale collegata alla dichiarazione d’intento”.

 

Come chiarito dall’Agenzia delle Dogane nella Nota 11.2.2015, prot. n. 17631/RU, la stima  dell’importo da indicare a campo 1 va effettuata “in eccesso” piuttosto che “in difetto” (a tal fine l’esportatore abituale dovrà tener conto anche, ad esempio, dei diritti doganali e delle spese di inoltro nel territorio comunitario), fermo restando che l’effettivo utilizzo del plafond sarà quello risultante dalla bolletta doganale.

 

 

DICHIARAZIONI D’INTENTO RILASCIATE FINO AL 28.2.2017

Come sopra specificato il nuovo mod. DI va utilizzato per le operazioni di acquisto da effettuare

a decorrere dall’1.3.2017. Ciò dovrebbe riflettersi sul fatto che le dichiarazioni d’intento rilasciate

con la versione precedente del modello, nelle quali era indicato il periodo di validità della dichiarazione stessa (ad esempio, dall’1.1.2017 al 31.12.2017), dovranno essere rispedite, specificando il plafond destinato alle operazioni ivi indicate.

È opportuno che l’Agenzia intervenga per chiarire se anche le dichiarazioni d’intento rilasciate fino

al 28.2.2017 con riferimento a più operazioni, nel limite dell’importo specificato a campo 2,

debbano essere rispedite per poter effettuare acquisti senza IVA con utilizzo del plafond a

decorrere dall’1.3.2017.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi